Previous Next

Volvo: sicurezza in continua evoluzione

Volvo è da sempre sinonimo di attenzione alla sicurezza, sia degli occupanti del veicolo, sia per i pedoni.

Ecco le principali innovazioni nel campo della sicurezza, attiva e passiva, introdotte da Volvo nel corso degli anni:

1944: Gabbia di sicurezza e parabrezza in vetro laminato

In caso di urti, questi sistemi consentono di proteggere gli occupanti creando una cellula di sicurezza che li ripara. Quest'ultima, in particolare si è evoluta grazie nel tempo all'impiego di diversi tipi di acciaio (sulle Volvo di oggi se ne contano almeno 5) ed Alluminio per garantire sia l'assorbimento degli urti, sia la protezione degli occupanti.

1959: Cinture di sicurezza a tre punti di ancoraggio

Volvo, primo costruttore al mondo, introdusse le cinture di sicurezza a tre punti di serie per i sedili anteriori sull'Amazon e sulla PV544

1960: Cruscotto imbottito

In caso d'incidente le conseguenze dell'eventuale urto con il cruscotto erano attenuate.

1964: Prototipo del primo seggiolino di sicurezza per bambini in senso opposto a quello di marcia
1966: Zone ad assorbimento d'urto anteriori e posteriori

In caso d'incidente, queste parti del telaio hanno lo scopo di assorbire l'energia prodotta (che altrimenti sarebbe trasferita agli occupanti) deformandosi.
Sulle auto di oggi, questi elementi vengono prodotti utilizzando acciaio dolce e Alluminio.

1967: Cinture di sicurezza posteriori
1968: Poggiatesta anteriori

In caso d'incidente questi evitano danni alla colonna vertebrale.

1969: Cinture di sicurezza autoavvolgenti per i sedili anteriori
1970: Istituzione di Volvo Accident Reseasch Team

Nell'ottica di evitare gli incidenti e, se possibile prevenirli, questo team visita ogni anno i luoghi dove sono avvenuti incidenti, ne analizza le cause e collabora con gli ingegneri che sviluppano i sistemi di sicurezza attiva e passiva montati sulle Volvo di oggi e di domani.

1972: Cinture di sicurezza a tre punti per i sedili posteriori
1972: Seggiolino per bambini in senso opposto alla marcia e chiusura centralizzata a prova di bambino

Prendendo spunto dai sistemi utilizzati nel settore aerospaziale, Volvo introdusse questo sistema per ripartire il carico e minimizzare i danni ai passeggeri più piccoli in caso d'incidente.
Successivamente, nel 1976, Volvo ha introdotto il seggiolino di rialzo per bambini e poi, nel 1990, il rialzo integrato nel sedile stesso.

1973: Piantone dello sterzo collassabile

Un ulteriore passo avanti nel campo della sicurezza passiva: in caso di urto minimizza le conseguenze dell'urto al torace del conducente.

1974: Posizionamento del serbatoio carburante davanti all'assale posteriore
1974: Paraurti ad assorbimento di energia
1976: Rialzo per bambini
1982: Protezione antiscivolamento su tutti i sedili (effetto sottomarino)
1982: Retrovisori esterni grandangolari
1984: Introduzione dell'ABS di serie

Il sistema antibloccaggio delle ruote in caso di frenata consente alla vettura di mantenere la diminuire lo spazio di arresto specie su fondi sdrucciolevoli o a scarsa aderenza. Si basa sul confronto della velocità di ogni ruota e, in caso di bloccaggio, della diminuzione della forza frenante sulla ruota corrispondente.

1986: Terza luce d'arresto posteriore
1986: Cinture di sicurezza a tre punti sul sedile centrale posteriore
1990: Rialzo per bambini integrato nel sedile
1991: Introduzione del Side Impact Protection System (SIPS)

Rappresenta il frutto di un lungo studio e di molte osservazioni sul campo: molti urti infatti non sono frontali ma laterali. Il SIPS è un sistema integrato nella struttura dell'auto atto a garantire una maggiore protezione in caso di urti laterali; comprende una struttura di protezione realizzata con materiali rigidi e non (atti ad assorbire l'energia), una traversa a croce e sedili rinforzati.

1991: Regolazione automatica in altezza delle cinture di sicurezza anteriori

Rimasto pressoché inalterato fino ai giorni nostri, il sistema si basava sull'avvolgimento della cintura di sicurezza su un rullo inserito all'interno del montante. In questo modo la cintura si avvolge automaticamente ad un'altezza idonea all'altezza dell'occupante.

1993: Cinture autoavvolgenti a tre punti su tutti i sedili
1994: SIPS con airbag laterali

Un'altra prima mondiale di Volvo: in caso di urto laterale e insieme con le altre componenti del sistema SIPS, aumentano in modo significativo la protezione contro gli urti laterali.

1997: Sistema di protezione antiribaltamento (modelli cabriolet)

Il Roll-Over Protection System (ROPS) è stato concepito per diminuire il rischio di ribaltamento e, in caso d'incidente, diminuirne le conseguenze per gli occupanti.

1998: Sistema di protezione contro il colpo di frusta (WHIPS)

Il sistema comprende un robuto poggiatesta ergonomico, e un design intelligente del sedile che fornisce un supporto uniforme ed assorbe l'energia in caso di collisione attraverso una flessione controllata dello schienale.

1998: Airbag a tendina IC

Rappresenta un'ulteriore del sistema di protezione dontro gli urti laterali; si tratta di una tendina gonfiabile checopre tutta la lunghezza dell'abitacolo. In caso di urto laterale essa si gonfia in pochi millesimi di secondo, fornendo un'ulteriore protezione per la testa degli occupanti.

2000: Inaugurazione del Volvo Car Safety Center a Goteborg

E' uno dei centri di sicurezza più evoluti al mondo e viene utilizzato per simulare e riprodurre tutti i tipi di incidenti. In questo modo possono essere studiati e sviluppati i sistemi di protezione attiva e passiva delle auto prodotte da Volvo. E' dotato di una pista di prova fissa lunga 154 metri e di una pista mobile lunga 108 metri, che può ruotare da 0 a 90° per simulare incidenti con impatti frontali e non. Ogni anno vengono svolti oltre 400 simulazioni d'incidenti.

2000: Sistema di fissaggio Isofix per tutti i seggiolini
2000: Airbag per sedili anteriori a due stadi di gonfiaggio

Per minimizzare le conseguenze per gli occupanti, garantendo loro al tempo stesso l'adeguata protezione, gli airbag vengono gonfiati a due livelli, in modo proporzionale all'impatto.

2001: Volvo Safety Concept Car (SCC)
2002: Sistema di protezione rinforzata contro il ribaltamento ROPS
2002: Sviluppo del primo manichino virtuale di una donna in avanzato stato di gravidanza per i crash test
2002: Sistema attivo di stabilità RSC (Roll Stability Control)
2003: Intelligent Driver Infomation System (IDIS)

Il sistema "misura" la concentrazione richiesta al conducente e gestisce le informazioni in modo da evitare potenziali distrazioni durante la guida, ritardando, ad esempio, i messaggi di allerta oppure le chiamate telefoniche.

2003: Avvisatori acustici per le cinture di sicurezza sui sedili posteriori
2003: Nuova struttura brevettata dell'avantreno che riduce le energie di collisione
2003: Inaugurazione del Volvo Traffic Accident Research Team di Bangkok
2004: Blind Spot Information System (BLIS)

Attraverso un sistema di radar e altri sensori, vengono monitorati gli angoli cechi ed il conducente viene allertato al sopraggiungere di un veicolo nello spazio non coperto dai retrovisori.

2004: Vetro idrorepellente WRG (Water Repellent Glass)
2005: Airbag a tendina montati all'interno dello sportello DMIC (Door Mounted Inflatable Curtain) sulla Nuova Volvo C70
2006: Personal Car Communicator
2006: CWBS - Sistema anticollisione con frenata automatica
2007: PPB - Power Park Brake (S80)
2007: Drive Alert System (DAS)
2008: City Safety

Ferma l'auto automaticamente al di sotto dei 30 km/h se un ostacolo si presenta dinanzi al frontale dell'auto.

2010: Pedestrian Detection

Frena automaticamente la vettura se rileva un pedone di altezza superiore a 80 cm fino a 35 km/h oltre (fino a 80 km/h) rallenta la vettura per diminuire l'impatto.

2012: Airbag per pedoni

Attutisce l'impatto del veicolo sul pedone in caso d'urto.

2013: Collision warning con autobrake

Il sistema, attraverso l'interazione tra un radar e una telecamera, consente di ridurre il rischio di collisioni. In caso di pericolo, il conducente viene avvertito e, se non interviene, viene attivata la frenata automatica.

2013: Active Light Beam di seconda generazione

Oltre alle funzionalità di disattivazione automatica degli abbaglianti, il sistema ripartisce il fascio di luce per evitare di disturbare il veicolo che precede oppure quello che proviene dalla direzione opposta, garantendo al tempo stesso la migliore illuminazione possibile per i lati della strada.

2014: Run Off Road Protection System

Se viene rilevata una potenziale uscita di strada, l'auto interviene automaticamente sterzando (e se necessario anche frenando) in modo da riportarla in carreggiata. Nel caso l'uscita di strada non possa essere evitata, le cinture di sicurezza vengono automaticamente pretensionate.

2014: City Safety di seconda generazione

Alla funzionalità originale del sistema è stata aggiunta la frenata automatca anche agli incroci.

2014: Sistema di guida semi-autonoma fina a 50Km/h
2015: City Safety attivo anche di notte
2016: Sistema di guida semi-autonoma fino a 130Km/h

Mantiene la vettura nella corsia di marcia utilizzando un sistema di radar e telecamera ed effettuando correzioni sullo sterzo. E' necessario che il conducente tenga le mani sul volante diversamente, dopo un primo avvertimento, il sistema si disattiva.

2016: Large Animal Detection

Rileva animali e di grossa taglia fermi sulla strada o che la stanno attraversando e, in caso di pericolo, avvisa il conducente e, se questo non è sufficiente interviene frenando la vettura.

2016: Run Off Road Mitigation

Leggendo le linee di delimitazione della corsia con una telecamera, interviene in caso di pericolo di uscita di strada con la correzione dello sterzo e, nel caso, attivando i freni. Nel caso l'uscita non sia evitabile, attiva i pretensionatori delle cinture di sicurezza.

2017: City Safety con steering support

Oltre alle funzionalità del sistema originale, è stato aggiunto un supporto attivo al conducente per evitare collisioni a velocità comprese tra i 50 e i 100Km/h. In pratica l'auto sterza automaticamente e le ruote interne vengono frenate per rendere più efficace la manovra.

2017: Oncoming Lane Mitigation

Riduce il rischio di collisione con i veicoli che provengono dalla direzione opposta avvertendo il guidatore e correggendo automaticamente la sterzata.

2017: BLIS con steer assist

Alle funzionalità di allerta originali introdotte nel 2004, è stata aggiunto l'intervento automatico sullo sterzo che, in caso di pericolo di collisione, riporta gradualmente la vettura nella propria corsia di marcia.


Stampa   Email

Articoli correlati